Cos'è COMtecnica Conference

COMTECNICA CONFERENCE 2021
COMtecnica Conference 2021 è la due-giorni organizzata da COMtecnica SRL per COM&TEC Associazione Italiana per la Comunicazione Tecnica in collaborazione con tekom Europe, svoltasi per la quinta edizione a Rimini il 6 e 7 ottobre 2021, in Italia.

Savoia Hotel, Rimini

Vedi sulla mappa
Patrocinio universitario

Cosa aspettarsi

A COMtecnica Conference 2021 speaker esperti, nazionali ed internazionali, presenteranno metodi attuali e futuri, strumenti e procedure per mostrare a qualsiasi tipo di organizzazione, ad aziende dei vari settori, ai professionisti e formatori in ambito Comunicazione e Documentazione Tecnica come affrontare le sfide nell’era dell’Industria 4.0. A COMtecnica Conference 2021 le ultimissime novità e tendenze del settore per diventare sempre più competitivi valorizzando la Comunicazione Tecnica.Le migliori soluzioni e novità nelle macro-aree:

  • Comunicazione di Prodotto Innovativa
  • Requisiti legali e Normative di riferimento
  • Accessibilità e Usabilità dell’Informazione
  • UX, AI, AR, VR
  • Mobile Documentation
  • Comunicazione Visuale
  • Redazione Controllata e Semplificata
  • Terminologia
  • Traduzione e Localizzazione
  • Formazione e Training
  • Possibilità di business e nuove opportunità di impiego
  • Qualsiasi altra tematica che possa essere di interesse per il settore

Perché partecipare

COMtecnica 2021 era destinata a professionisti della Comunicazione e Documentazione Tecnica e partecipanti con diversi background professionali, dai technical writer, information designer, professori, rappresentanti di altre associazioni, manager, content architect e altri ancora, per apprendere e condividere le proprie conoscenze sulle ultime tendenze che interessano il mondo dell’industria e delle imprese.

Target di riferimento

COMtecnica Conference 2021 è destinata a professionisti della Comunicazione e Documentazione Tecnica, uffici tecnici, reparti di ingegneria, uffici legali, traduttori e localizzatori, terminologi, società di servizi, software e consulenza, technical communicator, technical writer, content architect, information designer e architect, web strategist, social media expert, formatori e trainer, mondo accademico e dell’alta formazione specialistica, referenti di associazioni di categoria e tutti quanti coinvolti nelle varie fasi del processo Comunicazione Tecnica oltre a tutti gli interessati ad approfondire e formarsi in questo settore.

Il Programma

REGISTRAZIONI
REGISTRAZIONI

8:30 ÷ 9:00


BENVENUTO E APERTURA LAVORI
BENVENUTO E APERTURA LAVORI

9:00 ÷ 9:15

Tiziana Sicilia – COM&TEC / tekom Europe


SPAZIO NORMATIVE E STANDARD
SPAZIO NORMATIVE E STANDARD

9:15 ÷ 10:45

Quest’anno il programma della COMtecnica Conference offre una serie di interventi sulla macroarea “Normative e Standard” del Processo Comunicazione Tecnica.
Si tratta di uno spazio dedicato a nuovi Regolamenti, a nuove Normative, Linee Guida, Novità e Aggiornamenti.
Regolamenti, Direttive, Norme/Standard individuano i principi e i requisiti per la conformità, l’uso e la redazione e creazione di contenuti tecnici su prodotti, macchine e servizi.
I contenuti e le informazioni di cui parleremo durante questo Spazio contribuiscono alla sviluppo e implementazione delle competenze richieste a chi svolge la professione del Comunicatore, Redattore e Traduttore Tecnico oggi.
Questo Spazio all’interno del programma della COMtecnica Conference fornisce informazione, formazione e aggiornamento oltre a tanti spunti di discussione e confronto.

All’interno di questo spazio tre interventi su:

  • Bozza del Regolamento Macchine
  • Norma UNI sul Comunicatore Professionale
  • IEC/IEEE 82079

SPAZIO NORMATIVE E STANDARD: PRESENTAZIONE NORMA UNI SUL COMUNICATORE PROFESSIONALE
SPAZIO NORMATIVE E STANDARD: PRESENTAZIONE NORMA UNI SUL COMUNICATORE PROFESSIONALE

20 minuti

Giacomo Riccio – UNI con Rita Palumbo – ReteCoM e Tiziana Sicilia – COM&TEC / tekom Europe e Rossella Laface con Diego Aisa – CEPAS / Bureau Veritas

Nel contesto attuale era importante arrivare a una ridefinizione e certificazione del ruolo del Comunicatore Professionale e nello specifico del Comunicatore Tecnico.
Oggi la comunicazione riveste un ruolo sempre più pregnante e delicato e deve quindi essere affidata a professionisti esperti.
La non adeguata consapevolezza sull’importanza della comunicazione ha creato dei gap che questa Norma copre avendo individuato chiaramente i requisiti, le conoscenze e le abilità da mettere in campo per progettare e realizzare progetti di comunicazione nelle imprese, nelle organizzazioni e nelle istituzioni.
La Norma sul Comunicatore Professionale individua le conoscenze e le abilità necessarie al Comunicatore Professionale e, nello specifico, al Comunicatore Tecnico per progettare e realizzare progetti di comunicazioni secondo fasi ben precise e con competenze e abilità di vario livello.
I nuovi modelli di business per le imprese, basati su nuovi valori da costruire e comunicare richiedono professionalità, competenza, formazione specifica continua per promuovere in maniera professionale ed efficace e per poter meglio vendere prodotti e servizi.
La Norma individua 5 ambiti tra cui la Comunicazione Tecnica.
Con i 5 ambiti individuati rispondiamo a quelli che sono gli interessi e gli aspetti tecnici, specifici e anche economici dei professionisti che rappresentiamo soddisfando le attuali esigenze del mercato.


SPAZIO NORMATIVE E STANDARD: LA BOZZA DEL REGOLAMENTO MACCHINE
SPAZIO NORMATIVE E STANDARD: LA BOZZA DEL REGOLAMENTO MACCHINE

20 minuti

Referenti CNS con Claudia Klumpp – tekom & tekom Europe

Il 21 aprile u.s. la Commissione europea ha pubblicato la bozza del Regolamento Macchine.
Molte le novità e nuovo l’approccio anche in base agli sviluppi a livello di innovazione e tecnologia che investono la progettazione e realizzazione di macchine e prodotti
Si tratta di una inversione di tendenza rispetto alla visione precedentemente espressa nella Guida all’Applicazione della Direttiva Macchine 2006/42/CE – Edizione 2.2 con tanti aspetti nuovi che impatteranno in maniera significativa il settore della Comunicazione e Documentazione Tecnica.
Focus di particolare interesse quello sul formato elettronico che apre scenari nuovi su cui sono già iniziati i primi dibattiti interni alle organizzazioni, tra i produttori, tra i consulenti e nelle associazioni di comunicazione tecnica e che richiederà competenze e abilità specifiche da mettere in campo ma anche una riprogettazione dell’impostazione generale e della strutturazione dei contenuti.


SPAZIO NORMATIVE E STANDARD: IEC/IEEE 82079-1:2019 TRADUZIONE IN ITALIANO
SPAZIO NORMATIVE E STANDARD: IEC/IEEE 82079-1:2019 TRADUZIONE IN ITALIANO

20 minuti

Relatori: Tiziana Sicilia – COM&TEC / tekom Europe con Stefano Carrara – R&D Senior Engineer, ABB e Daniela Zambelli – CEI

All’interno dello Spazio Normative e Standard parleremo anche della IEC/IEEE 82079-1:2019.
Norma importantissima per i professionisti della Comunicazione e Redazione Tecnica, della Localizzazione e per costruttori e produttori nei vari ambiti di attività.
La Norma fornisce principi e requisiti generali per la preparazione e redazione delle informazioni per l’uso destinate agli utilizzatori di qualsiasi tipo di prodotto.
Le informazioni per l’uso sono necessarie e utili per favorire l’uso sicuro ed efficace di un prodotto, per essere conformi ai requisiti normativi e dei mercati e per soddisfare le esigenze degli utenti/clienti.
L’adozione della norma IEC/IEEE 82079-1 ha ricevuto l’approvazione al 100% senza alcun commento. Pertanto, la norma internazionale viene incorporata nel quadro normativo europeo.
A COMtecnica Conference 2021 la presentazione della traduzione in Italiano.


PAUSA CAFFÈ
PAUSA CAFFÈ

10:45 ÷ 11:00


ATTENZIONE NELLA SCELTA DI UN FORNITORE DI TRADUZIONE
ATTENZIONE NELLA SCELTA DI UN FORNITORE DI TRADUZIONE

11:00 ÷ 11:45

Azadeh Eshaghi

Spesso le aziende che commissionano servizi di traduzione e localizzazione non dispongono di sufficienti conoscenze di base sui metodi di lavoro dei fornitori di servizi linguistici. In particolare, le agenzie sono percepite come una “scatola nera”.
Ai clienti vengono promessi servizi brillanti e prezzi bassi, il che spesso provoca grattacapi.
In questa presentazione, il pubblico riceverà preziosi suggerimenti su come padroneggiare la valutazione del proprio fornitore di servizi linguistici.
È fondamentale avere chiari i seguenti punti:

  • Competenza professionale
  • Consapevolezza della qualità
  • Utilizzo di strumenti
  • Prezzi
  • Comunicazione
  • Disponibilità a collaborare e
    Trasparenza.

Il pubblico trarrà anche suggerimenti utili su come lavorare in sinergia in modo efficiente.


RICAMARE INFORMAZIONI TECNICHE CON UN FILO DIGITALE
RICAMARE INFORMAZIONI TECNICHE CON UN FILO DIGITALE

11:45 ÷ 13:15

Denis Dublineau – Redouan El Houssaini

La Documentazione Tecnica non può essere considerata oggi in maniera indipendente dalle nuove tecnologie come l’IoT, il Gemello Digitale, la Realtà Assistita o Aumentata, ora disponibili per tecnici in campo o da remoto. Ciò significa che ogni informazione deve essere riproposta o articolata con altri mezzi di Delivery per fornire agli utenti finali l’esperienza più efficiente a seconda del contesto operativo. Ciò significa anche che, per assicurare la coerenza delle informazioni tra i media e le configurazioni dei prodotti, il processo di creazione delle informazioni di servizio deve essere integrato nel processo di definizione del prodotto documentato, dalla definizione primaria alla Delivery finale.

Questo è il Thread Digitale.

Questo workshop esamina i punti su cui concentrarsi, le buone pratiche e le soluzioni tecniche da considerare durante lo sviluppo di una strategia di contenuto a prova di futuro per essere sicuri che il “Thread digitale” proceda senza interruzioni.


PAUSA PRANZO
PAUSA PRANZO

13:15 ÷ 14:00


CONTAINER – LA PIATTAFORMA WEB PER LA DISTRIBUZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE TECNICA PER MACCHINE E IMPIANTI
CONTAINER – LA PIATTAFORMA WEB PER LA DISTRIBUZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE TECNICA PER MACCHINE E IMPIANTI

14:00 ÷ 14:45

Alessandro Pratelli

Per tutti gli impianti o macchine sono redatti, raccolti e consegnati manuali tecnici, dichiarazioni di conformità, ricambi, documentazione di terze parti, disegni e schemi fino ai protocolli di validazione. In vista del Regolamento Macchine vedremo come CONTAINER riesce a distribuire la comunicazione e documentazione tecnica per gli utilizzatori e per i reparti dedicati all’assistenza tecnica sfruttando la potenzialità della tecnologia del digitale.

CONTAINER da la possibilità al costruttore e all’azienda cliente di usare la documentazione tecnica per gestire la sicurezza e la formazione e per pianificare le manutenzioni ordinarie e straordinarie. Gli operatori usano le informazioni tecniche durante il ciclo di vita della macchina o dell’impianto e per la richiesta di parti di ricambio o assistenza tecnica.

CONTAINER riconfigura la distribuzione della documentazione e il processo di comunicazione tra gli attori coinvolti per favorire lo scambio di informazioni a doppio senso.


SPAZIO CNL/LNC E COMUNICAZIONE EFFICACE
SPAZIO CNL/LNC E COMUNICAZIONE EFFICACE

14:45÷ 16:15

Spazio CNL/LNC e Comunicazione Efficace:
Standardizzare e semplificare il linguaggio tecnico con cui si redigono e traducono le informazioni per l’uso di prodotti, macchine e servizi oggi non è più e solo una richiesta degli utenti/clienti ma anche un Requisito di Legge.

Realizzare Comunicazione Tecnica chiara, efficace e a norma oggi è possibile utilizzando i Linguaggi Naturali Controllati e Semplificati (LNC, in Inglese CNL Controlled Natural Languages) che facilitano il lavoro di redattori, comunicatori e traduttori tecnici.

La leggibilità, la comprensione ma anche e soprattutto la Sicurezza passa attraverso una Comunicazione che deve cambiare e adeguarsi a nuove esigenze e a nuovi Standard.

Questo spazio del programma della COMtecnica Conference 2021 propone una serie di interventi per aggiornare sullo stato dell’arte dei Linguaggi Controllati e Semplificati nel settore della Comunicazione Tecnica mondiale e presenta una importante novità sull’ITS Italiano Tecnico Semplificato come Certificazione di Servizio e Prodotto che risponde finalmente alle richieste di aziende e professionisti.


SPAZIO CNL/LNC E COMUNICAZIONE EFFICACE: INFORMAZIONE E USO SICURI CON COMUNICAZIONE EFFICACE BASATA SU ITS E “CORRIGE.IT”
SPAZIO CNL/LNC E COMUNICAZIONE EFFICACE: INFORMAZIONE E USO SICURI CON COMUNICAZIONE EFFICACE BASATA SU ITS E “CORRIGE.IT”

20 minuti

Tiziana SiciliaNicola Mastidoro

Oggi utilizzatori di prodotti e servizi e operatori richiedono e si aspettano una comunicazione e documentazione tecnica più comprensibili, fruibili, immediati e di facile assimilazione per poter agire e operare nel minor tempo possibile.

Per raggiungere questo risultato è necessario progettare e realizzare comunicazione e informazione di prodotto con caratteristiche diverse rispetto al passato.

La comunicazione tecnica e l’informazione tecnica che accompagnano prodotti connessi e tecnologicamente più evoluti devono essere altrettanto evolute e adeguate ai prodotti che descrivono e al loro uso.

Gli standard più recenti, proprio nelle sessioni sulla qualità dell’Informazione, finalmente introducono concetti e requisiti di Completezza, Minimalismo, Correttezza, Sintesi, Coerenza, Non ambiguità, Leggibilità, Comprensibilità e Accessibilità, anche ai fini dei processi di recupero/ripetitività e ottimizzazione di costi e tempi di sviluppo.

L’ITS Italiano Tecnico Semplificato risponde a tutti questi requisiti e alle esigenze di utenti/clienti, professionisti della comunicazione e documentazione tecnica, compresi i traduttori e localizzatori tecnici, e i fabbricanti di macchine, i costruttori di prodotti e i fornitori di servizi e software.

La Sicurezza dell’Informazione e dell’Uso passa e dipende anche dalla Comunicazione Chiara, Controllata, Semplificata e quindi Efficace che noi, tutti, dobbiamo realizzare per essere conformi ai requisiti legali e alle richieste del mercato.

A supportare tutto questo la soluzione “Corrige.it” che valuta la leggibilità e comprensibilità dell’Informazione in maniera scientifica e oggettiva, grazie anche alle istruzioni ITS nei parametri e nei criteri di valutazione.

In questo intervento lo sviluppo di un metodo, di una soluzione e di un progetto COM&TEC importante e di grande supporto al settore della Comunicazione Tecnica in Italia oggi.


SPAZIO CNL/LNC E COMUNICAZIONE EFFICACE: LA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO/PROCESSO/SERVIZIO DELL’ITS ITALIANO TECNICO SEMPLIFICATO
SPAZIO CNL/LNC E COMUNICAZIONE EFFICACE: LA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO/PROCESSO/SERVIZIO DELL’ITS ITALIANO TECNICO SEMPLIFICATO

20 minuti

Tiziana SiciliaRossella LafaceDiego Aisa

A COMtecnica Conference 2021 l’annuncio della Certificazione di Prodotto/Processo/Servizio dell’ITS Italiano Tecnico Semplificato.

Un nuovo passo avanti per il Linguaggio Controllato e Semplificato Italiano, ITS Italiano Tecnico Semplificato, marchio registrato COM&TEC, che dopo le pubblicazioni, la formazione, la formazione aziendale e la consulenza propone alle organizzazioni e a tutti gli interessati la Certificazione del:

  • Prodotto ITS
  • Processo ITS con cui redigere contenuti in maniera efficiente, efficace e a norma
  • Servizio ITS con cui supportarle e affiancarle nella realizzazione di comunicazione tecnica controllata e semplificata.

La Certificazione di prodotto/processo/servizio è l’atto con cui un organismo accreditato di terza parte indipendente dichiara, secondo regole chiare e trasparenti, che il prodotto o il processo o il servizio fornito da un’organizzazione, è conforme a una normativa volontaria o obbligatoria.

CEPAS rilascia certificazioni di prodotto, processo e servizio in conformità alla Norma ISO/IEC 17065: “Valutazione della conformità. Requisiti per organismi che certificano prodotti, processi e servizi”. Questa Norma stabilisce i requisiti che un organismo di certificazione di servizio deve soddisfare per dimostrare di operare in modo competente, coerente e imparziale.

Il processo di certificazione viene eseguito secondo severe procedure e nel rispetto dei requisiti di competenza, indipendenza e uniformità di giudizio, con l’obiettivo di stabilire oggettivamente se il servizio è conforme allo schema di riferimento.

Questo processo innesca un circolo virtuoso e genera valore per tutti gli attori del mercato:

  • L’organizzazione che offre il servizio beneficia di un fattore di distinzione dai competitor
  • Il cliente riceve una garanzia preventiva sulla bontà del servizio di cui intende avvalersi
  • Il mercato riceve una spinta verso l’efficienza e la competitività, nel rispetto dei più alti standard.

SPAZIO CNL/LNC E COMUNICAZIONE EFFICACE: SIMPLIFIED TECHNICAL ENGLISH, ASD-STE100 – NOVITÀ DELLA ISSUE 8 E APPROCCIO PRATICO
SPAZIO CNL/LNC E COMUNICAZIONE EFFICACE: SIMPLIFIED TECHNICAL ENGLISH, ASD-STE100 – NOVITÀ DELLA ISSUE 8 E APPROCCIO PRATICO

20 minuti

Orlando ChiarelloDaniela Zambrini

Lo scopo di questo intervento è fornire una panoramica della specifica ASD-STE100 con un focus sui miglioramenti introdotti nell’ultima pubblicazione 8, del 30 aprile 2021.

L’intervento fornisce anche esempi pratici e indicazioni su come applicare e utilizzare in modo efficiente i principi del STE Simplified Technical English, Inglese Tecnico Semplificato, nella comunicazione tecnica e nella traduzione.


PREPARAZIONE DI FILE DESTINATI ALLA TRADUZIONE: COSA FARE E COSA EVITARE
PREPARAZIONE DI FILE DESTINATI ALLA TRADUZIONE: COSA FARE E COSA EVITARE

16:15 ÷ 17:00

Nicole Maina

In questa presentazione Nicole Maina spiega come preparare i file destinati alla traduzione verso una o più lingue – che si tratti di file Word, Excel, InDesign o altri ancora.

Nicole illustra il processo di traduzione e gli interventi necessari sui file a monte e a valle della traduzione evidenziando errori e sviste da evitare per ridurre al minimo la post-lavorazione da parte dei traduttori, dei redattori e anche eventualmente dei clienti.

In fase di redazione di manuali, cataloghi, brochure o semplicemente newsletter è buona prassi usare alcuni accorgimenti per prevenire criticità in fase di traduzione e localizzazione. Con una maggiore consapevolezza e conoscenza reciproca delle attività tra redattori e traduttori, si riducono costi e tempi di elaborazione e gestione dei file prima della consegna finale.

La presentazione mostra alcuni esempi pratici e fornisce consigli da seguire nella preparazione dei diversi formati con un approfondimento sui file .indd che spesso nascondono insidie inaspettate rispetto ad altri formati.


PAUSA CAFFÈ
PAUSA CAFFÈ

17:00 ÷ 17:15


INTELLIGENT CONTENT DELIVERY: L’IMPATTO DEL PROCESS MINING SULLA COMUNICAZIONE TECNICA E SULLA PROGETTAZIONE DELL’ESPERIENZA UTENTE (USER EXPERIENCE DESIGN)
INTELLIGENT CONTENT DELIVERY: L’IMPATTO DEL PROCESS MINING SULLA COMUNICAZIONE TECNICA E SULLA PROGETTAZIONE DELL’ESPERIENZA UTENTE (USER EXPERIENCE DESIGN)

17:15 ÷ 18:00

Gustav Verhulsdonck


COME L’AI SFIDA LA COMUNICAZIONE TECNICA
COME L’AI SFIDA LA COMUNICAZIONE TECNICA

18:00 ÷ 18:45

Michael Fritz

L’intelligenza artificiale mostra molte sfaccettature e permea già molti campi della pratica. Quando l’AI è stata ipotizzata per la prima volta nel nostro ecosistema, “Chat Bot” era la parola d’ordine che si sentiva più spesso.

Dopo alcune analisi concrete diventa chiaro in quale campo l’AI rivoluziona la User Assistance. Ma la domanda è ora, come i tradizionali protagonisti della Comunicazione Tecnica possono stare al passo con le sfide tecnologiche.

In questa presentazione Michael discute ciò che ha sperimentato e analizzato sull’AI fino ad ora, quale ruolo gioca nella pratica, cosa è già possibile, e quali ostacoli le implementazioni dovranno superare. Il takeaway più importante: controllate dove vi trovate ora e in quale punto potete saltare dentro.


CONCLUSIONI E CHIUSURA LAVORI
CONCLUSIONI E CHIUSURA LAVORI

18:45


BENVENUTO E APERTURA LAVORI
BENVENUTO E APERTURA LAVORI

9:00

Tiziana Sicilia


SPAZIO TERMINOLOGIA
SPAZIO TERMINOLOGIA

9:00 ÷ 11:15

Spazio Terminologia:
La gestione della terminologia è essenziale per comunicatori, redattori e traduttori tecnici, ma anche per LSP (fornitori di servizi linguistici), aziende e organizzazioni di vario tipo.
Oggi occorre rispondere a requisiti di competenza tecnica, uso e forma avendo come obiettivo principale l’utente/utilizzatore finale.
La terminologia e la pratica del lavoro terminologico rappresentano la chiave di volta nell’ambito della redazione e comunicazione tecnica ma anche della traduzione e localizzazione.
Mission: soddisfare le esigenze di comprensione e uso di informazioni tecniche.
La terminologia contribuisce in maniera significativa alla realizzazione di Comunicazione Efficace.
Il programma di questa edizione 2021 di COMtecnica Conference offre uno Spazio dedicato a questa importante macroarea del Processo Comunicazione Tecnica con quattro interventi su metodi, strumenti e soluzioni per chi si occupa, direttamente o indirettamente, di terminologia.
Terminologia come patrimonio e risorsa, sempre più oggetto di studio e ricerca da parte di Università, organizzazioni e produttori di software.

La Terminologia oggi, più che in passato, richiede formazione professionale specifica e aggiornamento continuo.


SPAZIO TERMINOLOGIA: BEST PRACTICE PER PROGETTARE TERMBASE
SPAZIO TERMINOLOGIA: BEST PRACTICE PER PROGETTARE TERMBASE

20 minuti

Klaus-Dirk Schmitz

La gestione della terminologia è essenziale per redattori e traduttori tecnici, ma anche per LSP (fornitori di servizi linguistici), aziende e organizzazioni.
Ma come progettare e configurare un termbase che corrisponda idealmente alle diverse esigenze e obiettivi?
Klaus-Dirk Schmitz spiega come creare un termbase basato sulle migliori pratiche e orientato al “concept”.
Questo intervento è l’ideale per coloro che vogliono capire quali tipi di linguaggio e informazioni terminologiche dovrebbero essere incluse in un termbase, quali principi terminologici dovrebbero essere seguiti e come organizzare e usare efficacemente i termbase.


SPAZIO TERMINOLOGIA: CHE TERMINOLOGIA “FAIR”!
SPAZIO TERMINOLOGIA: CHE TERMINOLOGIA “FAIR”!

30 minuti

Giorgio Maria Di Nunzio
Federica Vezzani

La terminologia FAIR è un nuovo paradigma per l’organizzazione e la gestione ottimale di dati e risorse terminologiche.

Questo intervento descrive i principi per la progettazione e l’implementazione di strumenti terminologici secondo l’ultimo standard ISO per la gestione della terminologia.

In questo contesto l’intervento presenta i vantaggi derivanti dall’adozione di tale paradigma per i professionisti del testo, come comunicatori tecnici e traduttori specializzati.

Infine, questo intervento si concentra sulla descrizione dell’applicazione web FAIRterm come nuovo strumento terminologico che mira a migliorare la precisione, la coerenza, la standardizzazione e la conservazione della terminologia specializzata per un determinato dominio.


SPAZIO TERMINOLOGIA: CHE TERMINOLOGIA “FAIR”!
SPAZIO TERMINOLOGIA: CHE TERMINOLOGIA “FAIR”!

30 minuti

Giorgio Maria Di Nunzio
Federica Vezzani

La terminologia FAIR è un nuovo paradigma per l’organizzazione e la gestione ottimale di dati e risorse terminologiche.

Questo intervento descrive i principi per la progettazione e l’implementazione di strumenti terminologici secondo l’ultimo standard ISO per la gestione della terminologia.

In questo contesto l’intervento presenta i vantaggi derivanti dall’adozione di tale paradigma per i professionisti del testo, come comunicatori tecnici e traduttori specializzati.

Infine, questo intervento si concentra sulla descrizione dell’applicazione web FAIRterm come nuovo strumento terminologico che mira a migliorare la precisione, la coerenza, la standardizzazione e la conservazione della terminologia specializzata per un determinato dominio.


SPAZIO TERMINOLOGIA: LA TERMINOLOGIA DELL’UE DIVENTA TECNOLOGICA
SPAZIO TERMINOLOGIA: LA TERMINOLOGIA DELL’UE DIVENTA TECNOLOGICA

30 minuti

Rodolfo MasliasNadezhda Krasteva

Per conto del TermCoord, Coordinamento Terminologico, del Parlamento Europeo, Rodolfo Maslias e Nadezhda Krasteva-Schaefer presentano i flussi di lavoro e gli strumenti utilizzati per la cooperazione con le università nel progetto “Terminology without Borders” (Terminologia senza frontiere) che copre 10 campi e tra questi l’uso sperimentale dell’applicazione Fairterm sviluppata (e presentato nella stessa sessione) da uno dei principali partner del progetto, l’Università di Padova.

Inoltre, TermCoord presenta le ultime funzionalità offerte dal Database Terminologico Europeo IATE come il modulo di riconoscimento automatico dei termini e la possibilità offerta gratuitamente al grande pubblico di scaricare termbase filtrati e di collegarli ai CAT-tool.

Le due parti dell’intervento sono precedute da un breve approfondimento sul coordinamento della terminologia nelle 24 lingue dell’UE nelle Istituzioni dell’UE e sulla gestione di IATE.


SPAZIO TERMINOLOGIA: COMUNICAZIONE TECNICA – PERCHÉ UNO STANDARD È ASSOLUTAMENTE NECESSARIO?
SPAZIO TERMINOLOGIA: COMUNICAZIONE TECNICA – PERCHÉ UNO STANDARD È ASSOLUTAMENTE NECESSARIO?

20 minuti

Claudia Klumpp

La Terminologia è un fattore chiave per la Comunicazione Tecnica. Finora, tuttavia, la terminologia della comunicazione tecnica stessa non è stata standardizzata.

Questo intervento si concentra sul progetto di standardizzazione ISO WD 24183 Technical Communication – Vocabulary.

La scelta dei concept per questo vocabolario di base per la Comunicazione Tecnica si basa su una raccolta di termini e definizioni riuniti in gruppi.

L’intervento mostra una panoramica della struttura e come beneficiare dello standard una volta pubblicato.

I destinatari e i potenziali interessati a questo intervento sono professionisti che creano prodotti informativi nel campo della comunicazione tecnica e coloro i quali acquistano servizi nel campo della comunicazione tecnica e fornitori di servizi.


SPAZIO TERMINOLOGIA: PERCHÉ LA TERMINOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE TECNICA NON È FACILE DA DEFINIRE
SPAZIO TERMINOLOGIA: PERCHÉ LA TERMINOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE TECNICA NON È FACILE DA DEFINIRE

20 minuti

Michael Fritz

Attualmente sono in corso diverse iniziative per definire la terminologia in ambito Comunicazione Tecnica. “La strada maestra verso la terminologia di un nuovo campo di pratica è condurre in anticipo un’analisi sistematica del campo semantico” questo è stato detto a Michael.

In questo “giro d’orizzonte” Michael svela l’approccio alle sue attività. Gli input da prendere da questa presentazione sono certamente alcune idee sulla teoria della comunicazione tecnica e su come queste idee possono essere utilizzate come base per il nostro lavoro terminologico.


PAUSA CAFFÈ
PAUSA CAFFÈ

11:15 ÷ 11:30


BEST PRACTICE PER LA CREAZIONE DI TASSONOMIE
BEST PRACTICE PER LA CREAZIONE DI TASSONOMIE

Dimiter SimovEkaterina Mitova

Le tassonomie e le ontologie sono trendy, utili e promettenti.

Con questo intervento ripercorreremo tutte le fasi del processo e costruiremo una tassonomia e un’ontologia per un esempio specifico.

Il workshop mira a condividere un ottimo approccio alla creazione e al miglioramento delle tassonomie e alla loro trasformazione in ontologie. Si basa sull’analisi orientata agli oggetti.

Prenderemo in considerazione un prodotto o un servizio su cui stiamo lavorando e lo decostruiremo nei suoi componenti costitutivi. Da questi componenti costruiremo la tassonomia. Quindi, aggiungeremo gli attributi ai componenti e identificheremo le relazioni tra i componenti per far crescere la tassonomia e trasformarla in un’ontologia.

Il workshop sarà interessante per Technical Writer, Technical Communicator, Information Architect, Information Specialist e per tutti i professionisti coinvolti nel processo di comunicazione tecnica.


PAUSA PRANZO
PAUSA PRANZO

13:00 ÷ 14:00


ARtego: DAL DOCUMENTALE ALLA REALTÀ AUMENTATA
ARtego: DAL DOCUMENTALE ALLA REALTÀ AUMENTATA

14:00 ÷ 14:45

Fabio CodebueFabio Groppi

La presentazione propone ARtego, un plugin di P-Soft, da aggiungere al vostro PIM, DMS, PXM, CCMS per “aumentare” in modo automatico e senza sforzi la documentazione dei prodotti già presente all’interno della vostra azienda.

P-Soft è un team di esperti che, dal 1991, lavora nel settore dell’informatica e della comunicazione per fornire alle aziende le soluzioni migliori.

P-Soft si occupa di:

  • Analizzare, studiare e creare soluzioni su misura
  • Comunicare i valori del lavoro con il pubblico più grande del mondo: il Web
  • Ispirare il futuro con soluzioni tecnologiche efficaci, perché l’innovazione sia semplice e alla portata di tutti.

Grazie all’esperienza decennale nel campo della Realtà Aumentata con prodotti per la documentazione tecnica, il retail e l’e-commerce P-Soft ha creato il brand CreARtivity.

Questa presentazione contiene esempi pratici per realizzare documentazione di prodotto grazie all’interazione e collaborazione con altre soluzioni tecnologiche e specifici CMS e CCMS per la documentazione e comunicazione tecnica.


STRUTTURARE LA GESTIONE DEI PROCESSI AZIENDALI NELLA COMUNICAZIONE TECNICA
STRUTTURARE LA GESTIONE DEI PROCESSI AZIENDALI NELLA COMUNICAZIONE TECNICA

14:45 ÷ 15:30

Gianni Rimorini

Questa presentazione ha lo scopo di presentare ai partecipanti strumenti e metodi utili per snellire e migliorare i processi di gestione della comunicazione tecnica (End user/Fornitori) e mantenere una continuità tra i vari processi di vita del prodotto (Product Lifecycle Management).

Uno dei principali focus sarà la gestione delle interfacce HMI sia dal punto di vista della gestione sia della standardizzazione dei processi di lavoro.


IL SOFTWARE AL SERVIZIO DELLA DOCUMENTAZIONE TECNICA
IL SOFTWARE AL SERVIZIO DELLA DOCUMENTAZIONE TECNICA

15:30 ÷ 16:15

Marco ChiodettiAlessandro Cosci

Il ruolo principale di un partner tecnologico come IAMdev nell’ambito della documentazione tecnica è quello di migliorare l’esperienza utente introducendo metodologie innovative di redazione e consultazione della documentazione tecnica.

Dai cataloghi ricambi ai manuali officina, lo strumento giusto consente di ottimizzare il lavoro di creazione dei contenuti da parte degli autori e dei redattori tecnici abbattendo i tempi di redazione.

Le App e le WebApp con interfacce responsive facilitano la consultazione del materiale prodotto, sia in modo online che offline, affinché gli addetti officina possano usufruire del materiale in ogni condizione possibile.

Nell’arco degli anni IAMdev ha maturato, grazie alla duratura collaborazione con STAR-7, una pluriennale esperienza.


PAUSA CAFFÈ
PAUSA CAFFÈ

16:15 ÷ 16:40


SICUREZZA DEI MACCHINARI: CRITICITÀ, APPROCCI E SOLUZIONI
SICUREZZA DEI MACCHINARI: CRITICITÀ, APPROCCI E SOLUZIONI

16:40 ÷ 17:40

Paolo Zuccarelli

La materia della sicurezza dei macchinari evidenzia ad oggi ancora diverse criticità, le cui cause vanno ricercate in particolare nelle loro caratteristiche intrinseche costruttive e funzionali, nei comportamenti errati degli operatori, nella scarsa conoscenza della documentazione a corredo, in un errato approccio da parte delle figure che intervengono nel processo di fabbricazione, distribuzione ed utilizzo e nel sistema di validazione della loro conformità.

A tal proposito, la presentazione fornisce indicazioni in merito alla corretta interpretazione e applicazione della normativa vigente, chiarisce il significato di termini quali Protezione Oggettiva e Presunzione di Conformità, sottolinea i limiti della marcatura CE e indica una procedura complessiva di gestione della sicurezza in azienda, incluse le fasi di acquisto e di manutenzione dei macchinari.


LA SEGNALETICA DI SICUREZZA – PRINCIPI FONDAMENTALI PER LA PROGETTAZIONE DI NUOVI SEGNALI ED ETICHETTE DI SICUREZZA CONFORMI ALLE NORME ISO 3864-1-2-3
LA SEGNALETICA DI SICUREZZA – PRINCIPI FONDAMENTALI PER LA PROGETTAZIONE DI NUOVI SEGNALI ED ETICHETTE DI SICUREZZA CONFORMI ALLE NORME ISO 3864-1-2-3

17:40 ÷ 18:30

Paolo Antonio Tobaldo

Molta della segnaletica di sicurezza che vediamo applicata alle macchine e ai prodotti o che viene utilizzata nella documentazione tecnica, non è conforme alla legislazione e alla normazione vigente.

La segnaletica conforme, rappresenta un vero e proprio linguaggio per comunicare con efficacia i messaggi di sicurezza.

Questo “Linguaggio dei simboli” ha il vantaggio di comunicare il significato dei diversi segnali senza l’ausilio del testo scritto. Le diverse lingue quindi non rappresentano più un ostacolo alla comprensione dei messaggi di sicurezza.

Non dobbiamo limitarci ad utilizzare la segnaletica che troviamo in commercio e che molte volte risulta essere non conforme, abrogata e troppo generica.

Le norme ISO 3864-1-2-3 ci consentono di creare nuovi segnali dedicati a specifici pericoli, obblighi e divieti. Con i 280 segnali “registrati” della norma ISO 7010 e i nuovi segnali dedicati, possiamo realizzare etichette di sicurezza per ogni tipologia di prodotto.

Solo l’impiego di segnaletica di sicurezza conforme può garantire l’efficacia comunicativa della nostra comunicazione e documentazione tecnica assicurando la comprensione dei messaggi di sicurezza in tutto il mondo.


CONCLUSIONI E CHIUSURA LAVORI
CONCLUSIONI E CHIUSURA LAVORI

18:30


Il programma può essere soggetto a piccole modifiche.
Le presentazioni sono in Italiano e in Inglese.
È disponibile il servizio di traduzione simultanea.